Preloader

03. Tessuto seersucker: com’è fatto e come portarlo d’estate.

Origine del nome

La parola seersucker è inglese, non esiste un corrispettivo in italiano. Il termine passa attraverso l’hindi e ha origine dal sanscrito क्षीरशर्करा (kshirsharkara) e anche dalle parole persiane shîr (شیر) e shakar (شکر), che letteralmente significano “latte e zucchero”.

È un chiaro riferimento al tono bicolore della stoffa e alla sua superficie un po’ liscia e un po’ arricciata: il nome riflette la somiglianza fra strisce lisce e ruvide che caratterizzano il tessuto, e rispettivamente la consistenza liscia del latte e la trama irregolare dello zucchero.

Cos’è il seersucker

Il seersucker è un tessuto estivo oggi realizzato alternando nella trama fili di cotone molto tesi a fili più morbidi: questo speciale metodo di tessitura conferisce al tessuto il suo tipico aspetto mosso e un po’ stropicciato.

In origine i fili utilizzati erano in pura seta e cotone, di conseguenza bastava bagnare il tessuto per far sì che il cotone si restringesse e la seta no, ottenendo così la caratteristica stropicciatura.

Il particolare effetto spiegazzato, combinato alla leggerezza del tessuto in cotone, sono ciò che rende il seersucker un simbolo di freschezza per eccellenza, must-have in primavera e in estate. La morbidezza della trama genera infatti una maggiore distanza tra il tessuto e il corpo, permettendo così una maggiore circolazione d’aria tra te e i tuoi vestiti.

I prodotti più comuni realizzati con il seersucker includono abiti, camicie pantaloncini, magliette e tende. I colori più comuni del tessuto sono bianco e blu; ma il tessuto è prodotto in un’ampia varietà di colori, di solito alternando strisce colorate e strisce bianche increspate leggermente più larghe.

Da dove viene

Il seersucker fu portato in Europa dalla Compagnia delle Indie Inglesi, nel XVIII secolo. Limitato in Inghilterra forse per il clima poco adatto, veniva utilizzato dalle classi sociali superiori durante i loro viaggi in Italia, durante i safari in Kenya o nelle lunghe vacanze nelle colonie Inglesi del nord America.

Proprio in America venne usato a fine Ottocento come tessuto per gli abiti da lavoro, indossato dalla manovalanza nelle industrie della ferrovia e del petrolio. Gli operai indossavano tute da lavoro, giacche e berretti realizzati da una pesante versione blu scuro in tessuto seersucker detto anche “pucker”. Proprio per la sua natura durevole e ariosa, è stato apprezzato da uomini che dovevano lavorare al fianco di locomotive calde, motori, e forni.

Si racconta che si iniziò ad utilizzare questo particolare tessuto anche in alcune occasioni ufficiali, dopo che nel 1903 Joseph Guerney Cannon, politico statunitense, si presentò al presidente Roosvelt con un abito in seersucker. Quando gli venne chiesto cosa lo avesse spinto a rompere il protocollo della formalità rispose: “Era una giornata davvero molto calda”.

Nel 1996, l’ex Senatore Trent Lott, ha avuto l’idea di istituire il National Seersucker Day, meglio conosciuto come Seersucker Thursday. L’intento era quello di portare un po’ di fascino e tradizione del Sud a Capitol Hill, per ricordare come i senatori vestivano prima dell’avvento dell’aria condizionata e onorare questa icona della moda americana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Duke Lab

Abbigliamento Streetwear & footwear – Fashion designer, streetwear, abbigliamento uomo e abbigliamento donna.

Close

Sign in

Close

Cart (0)

Cart is empty No products in the cart.

Duke Lab

Abbigliamento Streetwear & footwear – Fashion designer, streetwear, abbigliamento uomo e abbigliamento donna.



Currency